Pagine

Wednesday, April 06, 2011

Buttarla in caciara

Oggi Fini si è superato, permettendo alla Camera un ostruzionismo senza precedenti. E da vigliacco non si è neanche fatto vedere in aula a dirigere i lavori, nonostante il clima incandescente di questi giorni richiedesse la sua presenza. Ma evidentemente sapeva che questa mattina le opposizioni avrebbero dato vita ad un ostruzionismo che l'avrebbe messo in imbarazzo. Già alcuni giorni fa aveva falsato i risultati delle votazioni non permettendo ad alcuni ministri, già in aula, tessere in mano, di votare. Oggi sulle pagine del Giornale anche Antonio Martino, un liberale non certo pasdaran berlusconiano, denuncia una situazione di scorrettezza istituzionale che ha ormai superato i limiti della decenza: «Consentirgli di restare alla presidenza della Camera - scrive - è un oltraggio al Parlamento, alla democrazia, all'Italia».

A mio avviso, questa almeno è la mia impressione, Fini sta intenzionalmente e lucidamente perseguendo, di intesa con le opposizioni, la paralisi della Camera che presiede. Ma anche a voler essere più cauti non si può non intravedere un disegno, cui il presidente della Camera sta come minimo prestando sponda, per bloccare i lavori parlamentari - buttarla in caciara, insomma - e precostituire così le condizioni per indurre il presidente Napolitano (con la leva dei suoi "cattivi consiglieri") a sciogliere le Camere nonostante il governo abbia la maggioranza. D'altra parte, per averne conferma basta notare l'insistenza sul punto di trasmissioni come Ballarò e le acrobazie pseudo-giuridiche dei soliti giuristi e notisti, in servizio permanente su certi giornali, nel sostenere che un simile scioglimento rientrerebbe nei poteri del Colle.

3 comments:

Anonymous said...

Completamente fuoritema, ma importante che si sappia il più possibile:
http://22passi.blogspot.com/search/label/Energy%20Catalyzer%20Ni-H

Scusa l'intrusione.
Tra l'altro è sintomatico dell'ennesimo fallimento del sistemaPaese Italia. E non c'è destra nè sinistra che tenga.

Anonymous said...

ancora con la fusione fredda ?
.
ma non avete limite alla vergogna ?
devi per forza abboccare ad ogni minchiata che circola sui giornali ?

Giancarlo said...

Ma il primo anonimo pubblicitario non sarà la stessa persona che voleva risolvere i problemi energetici con alcuni aquiloni?
Comunque è vero, la fusione fredda esiste, ed è scientificamente comprovata.
Avviene quando nel cervello esiste un solo neurone, il quale entra in reazione con il niobo nebulizzato, raffreddando il circuito discendente, fino agli attributi, i quali scoppiano per la pressione provocata dal freddo.