Pagine

Friday, May 16, 2008

Consigli a Gelmini e Brunetta

Ha ragione Giavazzi quando ricorda, stamattina sul Corriere, che Mariastella Gelmini e Renato Brunetta sono due ministri chiave, dal cui operato dipenderà molto del successo o dell'insuccesso del governo Berlusconi. Scuola e pubbliche amministrazioni, infatti, sono i due buchi neri dove il merito è completamente assente.

Giavazzi suggerisce ai due neoministri, alla prima esperienza, di non farsi irretire dai burocrati e di leggere il libro "Meritocrazia", di Roger Abravanel, soprattutto il capitolo "Quattro proposte concrete per far sorgere il merito".

La prima di queste proposte è la «delivery unit», esperimento di successo in Gran Bretagna, che Giavazzi chiede a Gelmini e Brunetta di istituire anche in Italia: si tratta, nella consapevolezza che di ogni attività si possono misurare i risultati, di una unità che «raccolga ed elabori in modo scientifico» i dati, obbligando le amministrazioni a pubblicarli.

Certo, fa bene a ricordarlo Giavazzi, i cittadini britannici o americani, rispetto a noi hanno un efficiente sistema sanzionatorio della cattiva amministrazione: è il sistema elettorale uninominale, «nel quale ogni circoscrizione è rappresentata da un solo deputato, e quindi l'elettore sa sempre chi è il suo rappresentante in Parlamento, sia che lo abbia votato sia che rappresenti un partito diverso dal suo. Sa quindi a chi rivolgersi quando vuole lamentarsi per i risultati relativamente insoddisfacenti di una pubblica amministrazione».

2 comments:

adriano said...

Brunetta, brunetta, povera stella
Sola soletta sotto la seggia

Piccola e incerta s'arrampica e urla, vedrete vedrete vi darò tante grane, a voi menagrami a voi fannulloni io sono Brunetta e ho sposato Doretta la brava donnetta

Un giorno il lupo la incontrò sotto il letto, Brunetta Brunetta perché sei già triste di presto mattino? La piccola occhiuta, manine danzanti, rispose va via bestiaccia o ti lancio di pietro

La bestia la zampa le tese sul ventre, ahi mi fai male squittì la nanetta, io sono Brunetta ti schianto nel fosso, ti butto nel pozzo, ti lego e ti insulto fino a ché non ti assordi

Suvvia perché non ti cheti, io non voglio mangiarti, non son la nonnetta travesta da fiaba, io sono la Lupa della Gran Capitale 'e se me rompi ancora er cazzo te vesto da Sgarbi, e te chiudo all'Ara Pacis fino ar giorno che i fasci lo daranno alle ruspe'

Anonymous said...

Giavazzi suggerisce ai due neoministri, alla prima esperienza, di non farsi irretire dai burocrati e di leggere il libro "Meritocrazia", di Roger Abravanel, soprattutto il capitolo "Quattro proposte concrete per far sorgere il merito".



ma che è...tutti salvatori della patria?!?

il sig. giavazzi...uhmm, mi sa tanto che è un altro di quelli all'armiamoci e...partite!!!

oppure...fosse solo puro marketing?

azz, i due neo ministri...saranno pure sporchi e cattivi ma...diamine, diamogli tempo!!!

ed invece...no, giù con i consigli, consigli e bla, bla, bla...qualche reprimenda.

addirittura si suggeriscono...letture!

io...che non giavazzo nessuno...consiglio...zanna bianca.

è sempre un classico

bah, suggeritori...'na specie di patologia incurabile...

commento: è sempre sciocco dare consigli: ma dare buoni consigli è fatale.

oscar wilde


ciao.


io ero tzunami...