Pagine

Friday, August 11, 2006

CVD. Si sono presi anche il nuovo Consiglio

Il palazzo dell'Onu a GinevraCome volevasi dimostrare, ne parlavamo fin da marzo, quando fu istituito, ripetendoci a maggio, quando furono eletti i suoi membri. Il Consiglio delle Nazioni Unite per i Diritti umani, quello che doveva sostituire la ormai screditata Commissione, è già completamente in mano alle dittature, come gli Stati Uniti, che si erano opportunamente rifiutati di candidarsi a farne parte, avevano previsto per tempo.

Riunito in sessione straordinaria a Ginevra, ha approvato una risoluzione che condanna Israele per le «gravi violazioni» dei diritti umani in Libano e chiesto un'inchiesta internazionale sulla «sistematica presa di mira e uccisione di civili da parte di Israele in Libano». Il testo, promosso da un gruppo di Paesi musulmani, è stato approvato con 27 voti a favore, undici contrari e otto astensioni. I Paesi dell'Unione Europea membri del Consiglio (Repubblica Ceca, Finlandia, Francia, Germania, Olanda, Polonia e Regno Unito) insieme con Canada, Giappone, Romania e Ucraina hanno votato contro criticando la mancata menzione nel testo degli attacchi di Hezbollah nel nord di Israele. In favore si sono invece schierati una maggioranza di Paesi musulmani e latino-americani. Anche Cina, Russia e India hanno votato a favore. Alcuni paesi africani si sono astenuti. L'Italia è tra i paesi osservatori.

1 comment:

Nicola R said...

La frattura tra "Occidente" e resto del Mondo è ormai evidente. Mi auguro che i governanti dei Paesi occidentali se ne rendano conto e diano vita all'Alleanza delle Democrazie di cui parlasti anche tu.