Pagine

Friday, October 08, 2010

"Secondo te chi c'è dietro Fini?"

Si tratta di alcuni passaggi estratti dall'audio di una conversazione telefonica tra Nicola Porro e il portavoce della Marcegaglia, Rinaldo Arpisella, pubblicato sul sito del Fatto quotidiano. Non è la trascrizione integrale della telefonata (che dura più di 12 minuti), e nulla di penalmente rilevante ovviamente, un normale scambio di vedute, un po' dietrologico e cifrato, tra un giornalista e un portavoce, ma alcuni spunti mi sembravano curiosi. Lascio a voi trarre eventuali conclusioni.

Rinaldo Arpisella: "Sono incazzati con voi che se potessero impalarvi... Sono molto incazzati (a Mediaset? ndr), anche quello in alto (Berlusconi? ndr)".
Nicola Porro: "In effetti, siamo molto preoccupati".

NP: "Ma dimmi una cosa. E' una cosa intelligente far chiamare Feltri da Confalonieri? Tu non conosci Feltri..."
RA: "Sì, ma mettiti nei panni di un Confalonieri o di un Berlusconi".
NP: "Vedi i casini che gli sta facendo ora sulla questione di Fini, secondo te... quello lì... si diverte dieci volte di più..."
RA: "Ci sono sovrastrutture che ci pisciano in testa, che non ci considerano... Non hai capito una cosa. Se c'è un gioco di sponda, e credo che tu l'abbia capito, su tutta questa vicenda politica, 'il governo deve andare avanti', è chiaro che è un gioco di sponda concordato".
NP: "Lui è il padrone del suo giornale, finché non lo cacciano... cosa che non è esclusa... lo possono anche cacciare".

NP: "La questione è che vorrei che tu capissi una roba. Se, ti faccio un esempio, Riotta ha deciso di rompere con la Marcegalia, ti faccio un'ipotesi dell'assurdo, e di rompere, al contrario di quanto sta facendo Riotta, non perdendo 50 mila copie ma nel momento in cui ne ha guadagnate 60 (70? ndr) mila, in maniera tale da farsi liquidare e uscire...".
RA: "E' il suo disegno".
NP: "Eeeeh allora, Rinaldo, di che cazzo stiamo parlando...".
NP: "Ti stavo raccontando un ragionamento ampio, ti stavo dicendo che un certo piano con lui (Feltri, ndr) non serve, non perché gli editori non debbano svolgere il loro ruolo, ma perché lui sta in una fase diversa".

NP: "Devo dire che c'è un punto francamente di sottovalutazione di Confindustria nei nostri confronti che a me personalmente un po è seccato".
RA: "Ma, senti, se a un certo punto ci dicono tutti che siamo sdraiati su questo governo, ragiona, tu che cosa vai fare, vai a fare anche le interviste sul Giornale, dài, ragiona, mettiti nei nostri panni".

RA: "Tu non sai che cazzo c'è altro in giro. Secondo me, davvero scusami, ma ti parlo da amico, è un ottica corta. Allora il cerchio sovrastrutturale va oltre me, va oltre Feltri, va oltre Berlusconi, va oltre... ci sono logiche che non riguardano i Fini, i Casini, i Buttiglione, questo o quell'altro, sono altri..."
NP: "Non so cosa tu voglia dire... non capisco".
RA: "Secondo te, chi c'è dietro Fini?"
NP: "Tu lo sai? Io no".
RA: "Ci sono quelli che c'eran dietro la D'Addario, dài su...".

10 comments:

Anonymous said...

Ciao Jimmomo,
2o te a chi si fa riferimento? Al Gruppo Rep-Espresso? O a qcosa di diverso?
Grazie!
Davide

JimMomo said...

Caro Davide, non saprei, e francamente dal tenore della telefonata non mi sorprenderei che si trattasse solo di "cazzeggio"

Anonymous said...

Ma Porro ha ancora il coraggio di farsi vedere in giro?

il misantropo said...

Potrebbe trattarsi degli USA? In fin dei conti il filo putinismo non è che vada molto giù al di là dell'Atlantico.
O,forse, della Confindustria, stufi del nulla fare di Berlusca?
O, magari, era solo cazzeggio!
Il misantropo

succedeincina said...

su questo blog c'è un articolo interessante tradotto da un portale cinese sull'assegnazione del nobel

http://succedeincina.blogspot.com/

Bella Vedova said...

beh,se "dietro" ci sono "quelli della D'Addario", mi par di poter affermare che si tratta di personaggi parecchio inetti.Se il disegno era quello di eliminare il Cav. dalla scena politica servendosi di una povera disattatata ormai sfiorita negli anni e affetta da manie di persecuzione, allora c'è da ridere. Che ultimamente i servizi USA siano scaduti di livello peggio di quelli israeliani è assodato, ma hanno idea della pochezza politica e intellettuale del signor Fini ? Va bene girarlo e voltarlo come una marionetta, ma se poi ti restano in mano solo i fili, che fai ?

Anonymous said...

Ma del filone "principale" d'inchiesta invece non è trapelato nulla?

Massimo

vitaliano said...

bah secondo me ad origliare le conversazioni poco si capisce.
senza contesto od intonazioni si può capire tutto e il contrario

paolodellasala said...

Secondo me si parla di americani, dal lato Soros & dintorni. Non dico che sia la lettura esatta, quella di prendere Soros e una parte dei servizi Usa, come colpevoli di ogni male, ma comunque penso alludessero a questo tipo di soggetti. In fondo L'Espresso e Soros non sono lontani.

Giovanni said...

Chi c'è dietro Fini? Mi par chiaro. I poteri forti dell'alta finanza, in primis Murdoch e Soros. Oltre ad alcuni settori della politica americana, in primis la signora Nancy Pelosi che con Fini è mooolto amica