Pagine

Friday, June 22, 2007

Montezemolo accende il conflitto sociale

Una botta ai Sindacati, una al governo e una all'opposizione, ma tutte e tre colgono nel segno. Montezemolo va giù duro e volesse il cielo che abbia cominciato a fare sul serio, a dire le cose come stanno, a fare il suo mestiere senza i paludati tatticismi utili ad alzare il prezzo e a ottenere qualche obolo in più dalla politica.

1) «C'è una classe di governo che ha come mestiere creare problemi agli imprenditori... C'è un'inaccettabile cultura anti-industriale».

2) «In Italia serve un'opposizione che faccia meno propaganda e abbia un progetto politico. A noi non piace vedere show come quelli delle forze politiche che invadono i banchi del Governo. Quando il centrodestra era al governo abbiamo sentito tante volte parlare i suoi esponenti del taglio dell'Irap. Non abbiamo visto un euro di Irap tolta. È necessario tagliare la propaganda e avere un progetto politico».

3) «Se il sindacato non tiene conto dei problemi veri di competitività delle imprese che interessano anche i lavoratori, rischia di diventare il sindacato della pubblica amministrazione, dei pensionati e di qualche fannullone».

Per rendersene conto basta guardare agli iscritti e alle politiche conservatrici che impongono ai governi: non rischiano, i Sindacati rappresentano già ora innanzitutto se stessi, poi i pensionati, il partito della spesa pubblica (quindi gli statali) e inevitabilmente più di un fannullone e di un incompetente. Difendono il privilegio della pensione a cinquant'anni contro le pensioni dei lavoratori più giovani e un "welfare to work" universale; blindano i posti dei lavoratori ipergarantiti ai danni degli outsider, contro la mobilità sociale, il merito e la concorrenza.

Serve un po' di sano, democratico, conflitto sociale in questo paese sclerotizzato. Si confrontino gli interessi, si scoprano le carte in tavola e si vedrà quali sono le forze conservatrici e anti-popolari.

6 comments:

panka said...

anche se monty non mi ispira fiducia, stavolta la ha dettta dura e aciutta come si deve... e come al solito è gia cominciata la caccia al fascista reazionario

Maurizio said...

Vorrei aggiungere una cosa. Il sindacato fa gli interessi di alcuni lavoratori ma DANNEGGIA tutti gli altri lavoratori.

Ogni vantaggio che il sindacato ottiene per una certa categoria di lavoratori avviene ALLE SPESE di altri lavoratori. Il motivo è spiegato in questo scritto di Milton Friedman. Ciao

Cristian said...

Come ho scritto "a casa mia":

Il sindacato è fatto di fannulloni e lavativi, che a lavorare non ci pensano neanche per sbaglio.

monarchico said...

una botta al governo
una botta alla maggioranza
una botta all'opposizione
una botta ai sindacati
una botta alla classe politca
una botta alla guardia di finanza
una botta alla magistratura
una botta al parlamento
eccetera...

Non sono un catastrofista ed un polemico, ma ci rendiamo conto che in questa repubblica non c'è quasi nulla che funziona?
Quando realizziamo che c'è bisogno di ripartire da zero, avere una nuova costituzione, una nuova classe dirigenza in tutti i settori (nella politica, società, imprenditoria ..)

Chi salverà l'Italia?

Anonymous said...

ma basta con quest'incensare uno dei più grossi raccomandati della penisola!
MA PUTTANA MISERIA; MA IL DISCORSO SUL MERITO ME LO DEVE VENIRE A FARE LUI?! E VOI CHE GLI DATE PURE RAGIONE!
MA PER FAVOREEEEEE

Anonymous said...

il governo e l'opposizione sono come...gianni & pinotto...fanno ridere!

il sindacato, invece...fa piangere.

certo, non i sindacalisti che così...ci campano.

se torno a nascere...voglio fare il sindacalista!

a me i sindacalisti...fanno quasi tutti schifo. mi fanno schifo perché nel corso dei miei stronzi anni...mi sono accorto che è tutto un magna-magna...le associazioni sindacali...chiamiamoli così questi gruppi di pressione vera...si sono abbuffati a dismisura e per colpa del grasso così accumulato...hanno perso le loro originarie caratteristiche genetiche.

obesità sindacale...

questa cura al rovescio...all'ingrasso...che fa bene solo ai sindacalisti di professione...quelli che "tengono famiglia”...ha fatto sì che i sindacati...tutti...dal più piccolo al più grande...si siano trasformati nel più grande bluff della storia italiana...un vero e proprio ostacolo per la modernizzazione dell'economia e della società della nostra stronza penisola.

sindacati a favore dei lavoratori???...una favoletta...

il sindacato ha perso di vista la sua funzione ed ha stravolto i confini della sua azione originaria...con l'unico risultato possibile ovvero che la rappresentanza di interessi di parte...come dire...degenera?...sempre più in rappresentanza politica...azione politica...e trasforma i problemi sindacali – quelli veri - in...rozzi problemi politici.

senza contare che i sindacati...operano indisturbati al di fuori delle regole costituzionali relative alla loro registrazione...garanzie di diritto pubblico e...affarismo di natura privatistica!!!

il risultato? danni per tutti...anche perché i sindacati...propongono solo e sempre la solita, stantia ricetta...il ricorso allo sciopero...spesso politico ma sempre contro gli interessi generali della nazione...al primo cenno di riforma liberale ( magari!!! ) ed innovativa ( arimagari!!! )...buhh...sciopero! sciopero!...attentato alla democrazia...spregio dei lavoratori e della convivenza civile...

e cazzate varie.

e nessuno che chieda conto a 'sti stronzi di sindacati...magari di tutti gli accordi-finzione siglati in italia...sui quali c'è la firma loro, mica la mia...accordi sottoscritti e vantati solo perché c'è stato da tirare in ballo...magari l'ennesimo intervento straordinario della cassa integrazione guadagni...e qui montezuma-montezemolo...dovrebbe farsi un bell'esame...interiore...

eh sì...sono mooooolto lontane...direi dimenticate piuttosto...le parole pronunciate da di vittorio all'assemblea costituente...con le quali invitava tutti ad impegnarsi per << concorrere, con tutte le nostre forze, a consolidare ed a sviluppare lo stato democratico e repubblicano >>...

sindacati di merda.


ciao.

io ero tzunami...