Pagine

Friday, February 23, 2007

Ancora 48 ore o sei mesi

Il Presidente Napolitano crederà alle rassicurazioni che in queste ore gli stanno dando gli esponenti dell'Unione sulla tenuta di Prodi al Senato? Dalla risposta a questa domanda dipenderà la decisione di Napolitano. Se gli crederà (e qui ci auguriamo che il Presidente contatti personalmente ciascuno dei senatori che gli saranno stati indicati come "new entry" nella maggioranza), allora rinvierà alle Camere per la fiducia il Governo Prodi così com'è; se non gli crederà, probabilmente indicherà il nome di una personalità autorevole (Dini, Marini, Amato) cui affidare un incarico "esplorativo".

A questo punto Prodi potrebbe chiedere elezioni anticipate, ma l'Ulivo probabilmente si smarcherebbe accettando le «larghe intese» con Berlusconi, Fini e Casini. L'unica certezza è che Prodi - non importa se dura ancora 48 ore o sei mesi - è "bruciato", ma nessuno si vuole prendere la responsabilità del suo incenerimento. Ds e Margherita lo sanno perfettamente, ma hanno bisogno di circa un anno - meglio con Prodi, ma se non fosse possibile anche senza - prima delle elezioni anticipate, per far partire il progetto del Partito democratico e presentare un nuovo leader, per esempio Veltroni.

Tra l'altro, per come D'Alema ha sfidato in Senato i dissenzienti comunisti («è questa la politica internazionale dell'Italia, se non vi piace non votatela») non si può del tutto escludere che, spazientito, non lo abbia fatto per calcolo: se avesse vinto, si sarebbe preso i meriti dello statista, altrimenti avrebbe aperto la fase del dopo-Prodi senza prendersene la responsabilità.

Tutti, comunque, stanno già giocando la loro partita senza Prodi, tranne i radicali, gli unici a non aver ancora capito che quella partita è iniziata.

5 comments:

Anonymous said...

ragazzi...è clamoroso...adesso pubblicherò un documento che dire scotta...è dire niente.

non mi chiedete come sono entrato in possesso del documento in questione...non posso svelare la mia "fonte" e...non voglio rischiare la mia incolumità...

credetemi però...è tutto frutto di un meticoloso e spossante lavoro di intelligence...e pensare che non sono nemmeno un lontano cugino di scaramella!!!

leggete, se avete coraggio...

Ministero della Solidarietà Sociale:
Incentivazione per la rottamazione dei premier.

DECRETO MINISTERIALE 23 FEBBRAIO 2007

Approvazione del progetto per il riassetto funzionale dei governi.
Incentivazione per la rottamazione dei premier.

IL MINISTERO PER LA SOLIDARIETA' SOCIALE

Visti gli ingenti danni provocati dalla convivenza – seppur breve - tra “presunti riformisti” e “veri comunisti trinariciuti” su tutto il territorio nazionale;
Visto il testo Testo Unico delle disposizioni legislative in materia di separazioni e divorzi ( ma che DICO!!! );
Ritenuto di dover procedere ad immediata rottamazione del premier almeno nelle parti risultanti carenti e”cadenti”;
Vista la legge n° 17 del 1917 e norme relative agli interventi conseguenti a calamità naturali e ad avversità catastrofiche;
Acquisito il parere di conformità della Federazione Nazionale Coglioni D'Italia e del C.N. A. ( Comitato Nazionale Antiamericano );
Atteso che con l'ordinanza di approvazione del progetto definitivo è stata dichiarata la pubblica utilità dell'intervento di cui trattasi, fissando nel contempo i termini di validità dello stesso;
Ravvisata la necessità di disporre l'immediata attuazione del decreto finalizzato al soccorso degli elettori di sinistracentro, alla salvaguardia della pubblica incolumità degli stessi, al rinnovamento del patrimonio politico ed alla ripresa delle normali condizioni della vita di relazione, specie nelle piazze dove si manifesta;

Decreta:

Art. 1.
A partire dalla data del 24 febbraio prossimo venturo e per la durata di anni uno (salvo proroghe) è consentita la rottamazione del premier di turno.

Art. 2.
Possono accedere ai benefici di legge i cittadini elettori di sinistracentro che alla data del 22 febbraio Corrente Anno risultino regolarmente coscienti delle dimissioni del loro premier.
Al fine del computo di anzianità per elezione sostenuta non vanno considerati i periodi in cui i predetti elettori ( ma solo quelli in buona fede ) hanno riposto fiducia nella conventicola governativa.
Eventuali ricoveri ospedalieri di cittadini elettori di sinistracentro, già creduloni devono essere calcolati al 50% dei giorni di effettiva degenza.
I giorni di ferie goduti, purché trascorsi in costanza di governo danno diritto ad una maggiorazione del 50%.

Art. 3.
Possono essere rottamati i premier con una età minima di 68 anni anche se sessualmente non attivi.
Tale limite di età sale a 80 nel caso di turbe psichiche degli stessi o, comunque, della sfera comportamentale ( specie a seguito di sedute spiritiche ).
In tal caso è sufficiente esibire, oltre alla documentazione di cui al successivo Art. 4, apposita certificazione medica, attestante la natura dell'infermità, purché rilasciata da struttura pubblica.

Art. 4.
Al momento della rottamazione va esibita la documentazione di cui ai seguenti punti 1), 2) e 3) e consegnato il materiale di cui al seguente punto 4):
1) certificato elettorale;
2) curriculum vitae et studiorum del premier ( si consiglia di sottolineare la dicitura: nato a Scandiano ( Reggio Emilia ) nel 1939;
3) cartellone elettorale dello stesso ( o altro documento in dodici punti – ma fermi, però - avente corso di validità );
4) guardaroba estivo o invernale del rottamando premier, compresi gli accessori, balsami e creme abbronzanti, tinture varie, soluzioni, lavande, cerette e rasoi, bigodini, assorbenti, e salva slip, abbonamenti a riviste di regime, decoloranti ed essenze, belletti per il trucco e comunque tutto l'occorrente per il maquillage giornaliero del governo, come pure quello per le “grandi occasioni”, gli album fotografici e/o i filmati ritraenti il rottamando, ivi compresi quelli dell'insediamento al governo, nonché ogni oggetto che possa anche lontanamente, fare assurgere a ricordo il rottamando premier.

Art. 5.
In caso di “sussistenza in vita” di residuali adepti filogovernativi è prevista la cosiddetta 'MULTI-ROTTAMAZIONE' con la formula del “rottami tutto e paghi uno”.
Per accedere a tale beneficio è necessario che gli adepti suddetti non siano titolari di pensione né abbiano redditi aggiuntivi.
In ogni caso si potrà rottamate un premier che sia stato presidente dell'IRI. In caso di tale rottamazione l'I.V.A. passa dal 20% al 4%. Le spese sostenute, inoltre, potranno essere dedotte, ai soli fini I.R.P.E.F., dalla dichiarazione dei redditi relativa all'anno successivo.

Art. 6.
La Federazione Nazionale Coglioni D'Italia è preposta al ritiro della documentazione necessaria per la rottamazione del premier ed all'invio della stessa presso gli appositi centri di raccolta.
A tale scopo è attuativo il protocollo d'intesa del Ministero degli Esteri in concerto con questo Ministero decretante nonché con eventuali segreterie di partito per l'immediata attivazione di un campo di raccolta, non di documenti ma di coglioni, appunto.
Solo per comprovate situazioni di sovraffollamento si potranno inviare i premier rottamati presso un centro nel territorio nazionale dove personale altamente qualificato ( tiratori scelti comunisti combattenti ) provvederà alla derisione definitiva del premier pervenuto.

Art. 7.
In nessun caso il premier rottamato potrà essere riciclato. Il Comitato Nazionale Antiamericano vigilerà in funzione di antiriciclaggio.
Tutti i prodotti della rottamazione, altamente tossici, dovranno essere rinchiusi in appositi contenitori a tenuta stagna ed interrati ad una profondità minima di 10 metri in zone desertiche e/o montuose, preferibilmente, rispettivamente, dell'area Caucasica e/o Afgana.
Saranno predisposti in caso di eccessivo numero di rottamazioni, per evitare un inquinamento irreversibile del pianeta, trasferimenti nello spazio profondo.

Art. 8.
A rottamazione avvenuta verrà rilasciato all' ex-elettore di sinistracentro già credulone un apposito certificato attestante lo stato di “CREDULONE PENTITO” e l'inserimento dello stesso negli appositi albi comunali ( e di sezione ).

Art. 9.
La Federazione Nazionale Coglioni D'Italia, a seconda della fascia di età di ciascun elettore di sinistracentro già credulone, offrirà in sostituzione per ogni premier rottamato:
- da 18 a 30 anni, un lapis bicolore.
- da 30 a 40 anni, una fetta di mortadella stagionata 68 anni;
- da 41 a 45 anni, una fetta di mortadella stagionata 68 anni ed un tocco di afgano puro.
- da 46 a 55 anni, una copia del libro << insieme >> ( con autografi e dediche degli autori ).
- da 56 a 60 anni, una copia non conforme dei dibattiti tenuti nella “fabbrica del programma”.
- da 61 anni in su, un ex-talebano pentito da adibire a maggiordomo e/o badante.

Art. 10.
Il presente decreto avrà validità effettiva a partire dal quindicesimo giorno dalla pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale di questa povera Repubblica.

Roma, 23 febbraio 2007.

firmato:
Il Ministro, Paero Ferrolo



p.s.:...it's a joke!!!

in vero, come ho già detto...non voglio la fine di questo governicchio...non s'è ancora sputtanato abbastanza per i miei gusti!


ciao.

io ero tzunami...

remember said...

is it a joke?

Caspita! Se non lo specificavi non l'avrei mai capito!!!

Anonymous said...

e che te devo dì, rem...

hanno creduto ad uno come prodi...potrebbero credere pure ad uno come me!!!

ciao.


io ero tzunami...

remember said...

In ogni caso.... che schifezza questa politichetta italiana!

Ed io che fui coglione doppio credendo a Pannella ed alla sua buona fede e illudendomi di trovare qualcosa di blairiano almeno tra i diesse. Pochi giorni dopo il voto per il csx mi ritrovai con una coalizione con componenti trozskiste (nel 2006) e mi sono sentito affibbiare l'appellativo di ladro, evasore, affamatore del popolo e via di seguito.

Secondo voi chi voterò d'ora in poi? Anche se di là non c'è la Tatcher, per lo meno non mi odiano...

Anonymous said...

Ma dovrebbe fare ridere, nelle intenzioni, questa cosa?