Pagine

Friday, June 23, 2006

Su L'Opinione si parla di informazione e TocqueVille.it

L'Opinione continua a dare spazio al convegno di Sestri Levante e al dibattito su TocqueVille.it. Oggi pubblica Paolo Della Sala («La nuova sfida liberale si vince col network multimediale») e questo mio articolo «L'ossessione identitaria rischia di soffocare TocqueVille». Un ringraziamento al direttore, Arturo Diaconale.

Riporto la conclusione dell'articolo:
Se l'analisi della natura oligarchica dell'informazione e della politica è corretta, allora è dei blog, come nuovo strumento di comunicazione, e di Tocqueville.it come aggregatore di blog - certo, culturalmente e politicamente orientato - il compito di "fare opinione". E farla connettendosi in rete con più media è forse l'unico modo oggi, in un contesto così bloccato, di fare, in senso lato, "nuova politica". L'urgenza è di «far crescere la società dell'informazione orizzontale, in maniera antagonista e alternativa a quella ufficiale».

E di farla crescere veicolando le culture politiche che si sono ritrovate in TocqueVille.it. TocqueVille.it avrà successo se saprà mantenere, anzi rafforzare, un approccio che consenta di accantonare le abusate, anacronistiche, riduttive quando non fuorvianti divisioni classiche della politica (destra/sinistra, laici/cattolici, progressisti/conservatori), categorie concettuali che non funzionano più come strumenti di comprensione della nuova realtà. E avrà successo se la dieta mediatica degli italiani, che oggi formano la propria opinione nelle arene televisive generaliste, si diversificherà fino a comprendere internet e i blog, come già avviene, per esempio, negli Stati Uniti.

3 comments:

Perla said...

Ma quale identità?
Le idee viaggiano come le merci. Sono acquistate (accettate e condivise) secondo la domanda del mercato.

Tu, come tutti noi di TV, porti le tue.
Io non le condivido, direi di più, le aborro per tanti motivi derivantimi dalla mia passata esperienza di vita nella politica,ma sono interessata a leggerle comunque.
Alla fine saranno i “consumatori” e la legge del mercato che decideranno tra le tue e le altrui idee.

Buona permanenza!

Perla

p.s.: ma questo antispam deve rimanere eternamente a rompere le scatole a chi non vede? Oggi qualcuno mi ha supportato ma poi? Possibile che blogspot voglia garanzie anche dai suoi iscritti?

JimMomo said...

Mi dispiace Perla. A me lo dà anche per pubblicare i post. A te no?

comunque grazie, buona permanenza anche a te ;-)

Anonymous said...

Ho appena piazzato una bella molletta sul naso e sto andando a votare sì. Vediamo di dare una mossa a questo paese.

Ciao Paolo ;