Pagine

Wednesday, March 21, 2007

Il bidone della cura Nicolosi

Il dottor Nicolosi è il famoso terapista che pretende di "curare" l'omosessualità. In Italia, è lo psicoterapeuta Claudio Risè a diffondere le idee del Narth, l'associazione fondata dallo stesso Nicolosi («associazione che, tra le altre cose, giustifica pure la schiavitù dei neri», osserva Daw). Grazie a Daw che lo ha prodotto possiamo sentire in un video la testimonianza diretta di un ex paziente, Daniel Gonzales. Insieme ad Andreas Martini, Daw ha contattato Daniel e ha sottotitolato il video in italiano. Daw definisce «molto toccante» la testimonianza di Daniel e suggerisce di ascoltarla.
>> Guarda il video

7 comments:

Bobo said...

esiste la chemioterapia. conosco un tale su cui la chemio non ha fatto effetto. Risultato: la chemio è un bidone, puro autoconvincimento. Chiaro che a livello psicologico le cose sono più complicate, ma mi sembra ugualmente un discorso debole.

mauro said...

in effetti nemmeno Nicolosi ha mai sostenuto che la sua terapia funziona in tutti i casi.

Stefano said...

Quello che io non capisco, prima ancora che la questione Nicolosi in se', e' il perche' di tanto scandalo da parte di gente che si vorrebbe liberale.
Tanta caciara sulla liberta' eppoi se uno non si trova a suo agio con la sua sessualita' e cerca aiuto,questo non va bene.
E perche'?
Nessuno puo' sostenere, dati alla mano, che omosessuali si nasce.
Le ragioni per cui lo si diventa variano molto, specie tra umomini e donne. Quindi a priori perche' dubitare che per alcuni sia reversibile?
Perche' se qualcuno segue questa strada e' letteralmente scomunicato?
Soprattutto quando coloro che percorrono questa strada dicono apertamente che la cosa funziona solo a condizione che chi vi partecipa lo faccia liberamente (condizione generale della psicologia).
Eppure da qualche tempo ci sono una serie di blogger assolutamente incattiviti su tale argomento, che ormai e' presentato come un argomento di fede: omosessuali si nasce e curare vuol dire snaturare, fare violenza.
Ma non siete quelli che "il diritto naturale, la natura, sono solo dettami culturali, relativi?
Ma un po di sani dubbi qui non li vuole aver nessuno?
Tra l'altro il movimento gay parla spesso di una fascia di omosessuali potenziali repressi che dovrebbero uscire allo scoperto e finalmente far pace con il proprio "gender" (concetto distinto dal sesso, che e' genetico). Quindi se capisco bene, gli eterosessuali ci possono ripensare, ma gli omosessuali no?

JimMomo said...

Siete degli adorabili mistificatori delle questioni. Non so se ci fate o ci siete. mi auguro la prima.

bah

Anonymous said...

...io da personaggi come quelli...non mi farei "curare" nemmeno il torcicollo.

credevo che solo per i residuali persiani fosse entrato in vigore il nuovo anno...1386...ma vedo che nemmeno in occidente il medioevo è finito!!!


ciao.

io ero tzunami...

stefano said...

Jim Momo, ringrazio per l'adorabilita'.
Ma vorrei capire dove sta la mistificazione.
Io mi sono andato a leggere gli studi sull'etiologia dell'omosessualita' e non c'e' n'e' uno che neppure arrivi a dimostrare altro che una predisposizione genetica e solo per i maschi.
Questa in soldoni la scienza.
Allora siccome pare proprio che sia una questione di apprendimento, certo in eta' molto precoce ed a livello assai profondo, tanto che la maggior parte degli omosessuali dichiara di esserlo sempre stato, almeno a livello teorico razionale, la possibilita' di ridirigere e cambiare c'e'.
Se c'e' anche la volonta'individuale liberamente espressa perche' siete contrari a priori?
Domando ancora. C'e' qualcosa che non fila in questo - semplice - ragionamento? Perche' sarebbe mistificatorio?
Stefano
PS non mi citate i fallimenti. Di terapie volontarie che falliscono ce n'e' a bizzeffe in tutti i campi.

Bobo said...

grazie per l'adorabile, ma perchè mistificatore? scusa se io facessi un post con uno che dice "una volta avevo mal di testa, ho preso l'aspirina, non mi è passato", e lo intitolassi "le bufale dell'acido acetilsalicilico", cosa ne diresti? Nel mondo attuale tutti possono provare a curarsi ogni possibile malattia o difetto immaginario. Ci sono ragazzi che rischiano la pelle (e purtroppo a volte la perdono) per una lieve gobba sul naso o per un po' di cellulite. Solo l'omosessualità è una condizione immutabile?