Pagine

Wednesday, March 07, 2007

Un rapimento annunciato

Il rapimento del giornalista del quotidiano la Repubblica Daniele Mastrogiacomo e dei suoi due assistenti afghani non è certamente casuale. La Camera si appresta a votare il rifinanziamento delle missioni all'estero. Altrettanto dovrà fare il Senato nelle prossime settimane. Queste scadenze sono arcinote - in un mondo in cui l'informazione viaggia alla velocità della luce, superando barriere linguistiche e culturali - come le difficoltà della maggioranza proprio sulla nostra presenza militare in Afghanistan, causa della recente caduta del Governo Prodi al Senato.

Quale miglior momento per i talebani per tentare di destabilizzare il paese anello debole della presenza occidentale in Afghanistan? Quale modo più efficace per riaccendere lo scontro politico nella maggioranza, sperando che prevalga chi al suo interno non esiterà a strumentalizzare questo rapimento per sostenere il fallimento della Nato e il ritiro delle nostre truppe dall'Afghanistan?

Possibile che giornali importanti come la Repubblica e professionisti affermati come Mastrogiacomo non capiscano che un momento di tale fragilità politica, alla vigilia di un voto decisivo proprio sull'Afghanistan, è il peggiore per avventurarsi tra i talebani? Possibile che dietro l'occasione d'oro, che viene offerta stranamente proprio in questi giorni, di poter realizzare un servizio succoso non vedono un nemico che persegue senza scrupoli i propri scopi brutali?

Sia detto senza equivoci, qui naturalmente si prega per Mastrogiacomo e gli altri due catturati, perché vengano liberati e i talebani uccisi.

5 comments:

nullo said...

si "prega"?

Alexis said...

La preghiera ad un'entità superiore non è mica ad esclusivo appannaggio degli appartenti alle religioni organizzate

Anonymous said...

credo che certi giornalisti e certi giornali credessero che il modo più opportuno per destabilizzare questo governicchio fosse un attentato terrorista in italia...

Anonymous said...

sono d'accordo con le tue preoccupazioni, meno sulla stupidità dei nostri "liberi "giornali, stampa che dir si voglia...ma solo perché la stupidità di questi ultimi, almeno di alcuni, non deve essere valutata in modo contingente, in relazione alla drammaticità di un rapimento per colpa del quale, un uomo è stato privato della sua libertà.

la stupidità di cui prima, deriva da ogni singolo articolo pubblicato sulla carta...fosse almeno riciclata!!!

per fortuna, si possono pure non leggere, certi giornali...o farlo solo distrattamente, come fosse un di più.

quanto al rapito, oltre che associarmi alla preghiera collettiva...mi auguro solo che alla fine di tutta la faccenda...tornato vivo e vegeto nella sua accogliente casa...non diventi una star, magari alla stregua della sig.ra sgrena...che da misconosciuta che era...da quel giorno si ritrova un giorno sì e l'altro pure sulla cresta dell'onda...e fa pure delle belle piroette di gioia!

adesso ha pronto pure un film-shock su quanto sono cattivi gli amerikani...nazisti li chiama qualche inetto pelato...ma si sa, a proposito di nazisti, anche scoppati e/o...scampati alle nocive pallottole...che la cinematografia è l'arma più potente...

nazicomunisticombattenti.

solo uomini liberi please...né martiri né star...ma soprattutto, nemmeno cineasti di regime.

amen ( e dio - o chi per lui - benedica l'amerika ).


ciao.


io ero tzunami...

stamparassegnata said...

i talebani uccisi?