Pagine

Monday, March 12, 2007

Sofri, i radicali, e la logora dicotomia destra/sinistra

Tra Pannella e Capezzone, scrive Adriano Sofri in "Partita Radicale" (Il Foglio, 28 febbraio), «al di là di capricci dispotici e idiosincrasie umane», o dell'«impazienza degli ambiziosi», non è solo fatto personale, ma questione dannatamente politica, che riguarda sia questa fase sia il futuro radicale, e addirittura la sua «autenticità».

Sofri riconosce a Capezzone di non perseguire un disegno neo-centrista, o un solitario smarcamento a destra, che pure molti a Torre Argentina gli continuano ad attribuire, ma la lungimiranza di una sfida in cui la posta in gioco è, se non l'eredità, la "casa" radicale. Lo vede capace di successo mediatico e di essere in sintonia con "la base". Nel contempo, Sofri sostiene che Pannella e i radicali appartengano alla sinistra, mentre Capezzone, e molti dei militanti di oggi, siano di destra.

Innanzitutto, sarei più cauto a trarre conclusioni dalle telefonate a Radio Radicale, sempre meno di militanti e simpatizzanti, anzi, più spesso tutto il contrario.

Il problema della sinistra, e dei suoi intellettuali innanzitutto, è la tendenza ad appiccicare un «profilo di destra» a chiunque non abbia intenzione di demonizzare Berlusconi, Bush e i neocon...

Il problema della sinistra, come risulta da alcuni autorevoli studi recenti, è che i concetti di merito, rischio, impresa, mercato, concorrenza, persino libertà, sono largamente impopolari presso chi si definisce "di sinistra".

Leggi tutto l'articolo (Notizie Radicali)

3 comments:

Anonymous said...

a proposito di...creature strane...e di profeti della sinistra libertaria...

è sospetto che uno "intelligente" e "molto intellettuale" come sofri non abbia notato che la "separazione" avvenuta tra pppannella e caparezzone, somiglia molto al modello-ameba...dove la "riproduzione" avviene per semplice divisione della cellula madre...

forse è per questo che nemmeno ha notato che relativamente alle amebe di prima...la più giovane, nel tentativo di assomigliare ad una creatura evoluta, almeno più di quella da cui s'è distaccata, già vetusta e logorroica...produce un risultato finale che non rispetta le proporzioni normali e provoca - a lei e a noi - problemi a livello psicofisico e psicosomatico.

tipo orticaria...

quanto alla più vecchia...nel commosso ricordo che le si deve, esperendo l'ultimo tentativo di riassumere le avventure di un "essere" e/o "non essere"...non si può non ricordare - anche al pio sssofri - che l'ameba è il prototipo degli organismi unicellulari detti protozoi ovver, gli animali più primitivi che esistono...anzi, a questo livello...i confini tra il mondo animale e quello vegetale sono molto poco definiti.

quasi come quelli tra terrorismo "armato" o solo "parlato" e/o "intellettuale".


ciao.

io ero tzunami...

dall'interno... said...

A Novembre 2007 Pannella imporrà Turco come segretario (con D'Elia tesoriere) contro Capezzone che si presenterà con una lista propria.

In alternativa, però, è assai più probabile che Pannella imponga lo scioglimento di RI per evitarne la riconquista da parte di Capezzone motivando il tutto con crisi economica.

Lui, il vate, si occuperà solo del PRNVT. Capezzone cercherà invece di ricostituire una formazione di supporto a se stesso col nome di RNP.

Cmq ne vedremo delle belle.

Davide said...

Che ridere, i radicali assieme all'UDC!!!
Caro Jim, è fantapolitica!!