Pagine

Sunday, January 21, 2007

Un Comitato movimentato

Un Comitato nazionale di Radicali italiani molto partecipato e ricco di contenuti questo fine settimana, e, al contrario di quello di fine anno, con momenti di confronto vero e serrato, non senza polemiche dirette. Oltre al mio intervento, vi consiglio di ascoltare quelli di De Lucia, Viale, D'Elia, Stenta, Bacchi, Puggioni, Staderini, Boni, Bonino, Litta Modignani, Cappato, Capone, Spadaccia, di nuovo Viale. Naturalmente quelli di Capezzone, per l'ampia analisi politica e un'"offensiva" che ci ha colti di sopresa, e di Pannella.

Francamente molto deludente, invece, la mozione finale. A parte la scelta, discutibile ma comprensibile, di sacrificare i contenuti per puntare tutto sull'obiettivo dei 5 mila iscritti, era lecito aspettarsi che la mozione indicasse almeno qualche idea sul "come" si pensa di raggiungere l'obiettivo.

5 comments:

remember said...

Capezzone è moooolto bravo, senza dubbio. Come sempre, anche quando non ne condivido certe analisi e certe iniziative.

Ma quando dice che i 100miliardi di euro per il Sud faranno la solita fine... così, come se non ci fosse nulla da fare...
beh... alcune migliaia di euro di quei miliardi sono proprio miei... e se devono fare la solita fine degli altri... che tanto bene ci mostra ogni sera Striscia con Fabio e Mingo...
beh...
un vero politico non può dire così che faranno la fine degli altri...
altrimenti lo sciopero delle tasse...
è d'obbligo, se non altro per dignità personale...

Yoshi said...

ma spiegatemi perchè 5.000 o 200.000 persone debbano entrare in quello che è sempre più il club pannella e pannellacentrico, come ha detto giustamente capezzone. solo i masochisti.

Anonymous said...

ma come? non consigli a tutti l'ascolto degli interventi di Pagano e De Pascalis?
Sei evidentemente un osservatore poco attento ;)

Anonymous said...

dunque, vediamo...chi di tesseramento ferisce di tesseramento...

ok, ok...già è tanto che i pannelliani non fanno come i margheritini...che ti mandano a casa la tesserina già bella preconfezionata, sottoscritta e pagata ( ma da chi????????? ); con plastificazione ottimale, direi! vabbé...la margherita...dopo la disinfestazione floreale et repentina caduta di petali, sta alla frutta – secca - e quello delle tessere “a domicilio”...è solo l'ennesimo escamotage di qualche bellimbusto pirla...che vuole accreditarsi come portatore d'acqua per l'abbeveraggio delle bestie di partito.

altro stile consolidato quello dei radicali, da puri e duri che sono...rispolverano sempre il solito stratagemma...che poi è quello di mandare avanti l'alfiere pppannella a piangere, sempre pronto a lanciare il suo estremo appello alla sopravvivenza radicale, quasi un grido di dolore...<< a regà...non abbiamo una lira...oops, euro volevo dire...abbiamo pochi iscritti e se continua così, rischiamo di chiudere baracca e burattini >>.

opportunamente...non mancano mai gli aneliti alla salvaguardia del “bene comune”...che poi sarebbe la nostra benedetta, stronza italia ( o i-taglia??? )...perché ( piange pannella ) << se noi chiudiamo, il nostro paese sarà privato delle nostre battaglie >>.

beh, questo un poco è vero...anche se attualmente le poderose armate radicali, non più votate alle giuste battaglie poiché divenute oscenamente filogovernative...sono mooooolto spuntate, meglio un radicale feticista in più che un comunista rozzo e pure superbo...poiché "migliore".

certo è, però, che non è servendo solo come da stampella al governo donascimiento che i radicali potranno salvare l'italia!

anzi...questo sostegno idiota all'idiota premier, assurge quasi a colpo di grazia! a panné...stacca la spina pure all'italia, mi verrebbe da gridare...ma taccio e torno al grido di dolore di pannelliana memoria, quello dovuto non alle ripercussioni negative, sul fisico e sulla psiche, dell'ennesimo sciopero della fame e della sete...bensì alla circostanza che a mio avviso, i radicali hanno – da tempo - un costo pro-tesseramento che a mente del sempre valido teorema...costo-benefici...è oneroso assai. quest'anno, cazzarola, tocca quota 200!!!...e mica dracme, fottuti stronzi euro...

ma non è che sono gli effetti negativi della finanziaria che è passata anche grazie ai pannelliani???

eutanasia di un tesseramento...

che dire, oltre che 200 euro sono tanti ( ma non troppi ), mi sembra che il tutto rispecchi il classico rimpiattino, un giochetto alla taglia e cuci...nel senso che con questo sistema “pannelliano”...è chiaro che i radicali non potranno mai aumentare il numero di accoliti.

ma credo che l'intento sia proprio questo...l'intento di pannella dico, non dei radicali in quanto...idea...eh sì, pochi da controllare ma...tutti!!!

e la cartina di tornasole di questa mia insinuazione è che a conti fatti...ai congressi e/o comitati di stampo radicale io non ho mai visto i “delegati” di partito ma solo ed esclusivamente quelli che sono gli iscritti, già singoli quotisti e per l'effetto...individuabili 1x1, con nome, cognome e partita iva, stato di famiglia, vizi e virtù al seguito.

e qui casca l'asino...che non è pannella, il quale i suoi conti...se li sa far bene...non fosse altro perché egli è l’unico politico italiano che nonostante si batta da aaaaaaaaaaaaaaaanni contro il “sistema di partiti”...se ne alimenta...e lo fa nonostante tutti gli scioperi anti-nutrizionisti che ci ha propinato!

ora, siccome questo giochetto antipartitocratico – o presunto tale – va avanti da almeno 30 anni circa...ritengo che esso sia stato scientemente escogitato in qualche laboratorio ( antiproibizionista? forse sì, la chimica aiuta... )...con l'unico scopo di mantenere ben saldo il potere nelle mani del pannella-pensiero: o con me o contro di me, seguimi e sarai ricompensato.

e che sia così...non è certo una novità, nel senso che non dovevo arrivare io ad illuminarvi...basti pensare alle profezie domenicali di pannella, quanto alla rassegna stampa capezzoniana...oppure...alla nuova creatura trans-gender a foggia di cappato, ennesima moscia appendice pannelliana.

e poi i maligni sostengono che i radicali non sono in grado di fornire una classe dirigente al passo con i tempi!!! ma va là, non è vero...

ed invece sì, diciamola la verità ragazzi belli...perché questo sistema di tesseramento modello gioco dell'oca, serve solo a consolidare il gruppo di potere pannelliano ed a garantirgli adeguati rimborsi elettorali.

e guardate che non sto criticando i finanziamenti pubblici di rr, che li ritengo benecomati...poiché a fronte delle tante promesse radicali...ad oggi divenute solo chiacchiere ...ci assicurano l'unico, vero servizio “pubblico” di stampo radicale.

certo, per questo fantomatico "servizio pubblico", già paghiamo molto profumatamente quel carrozzone che è la rai...ma questo è tutto un altro discorso e non lo affronto per carità di patria e perché sarei OT...

conclusioni?

i soldi per le tessere – eventuali – servirebbero solo alla sopravvivenza di pannella e dei suoi seguaci.

rifondazione radicale.

e poi si può parlare di 'sti 200 euro...


ciao.


Io ero tzunami...

Anonymous said...

io invece consiglio l'intervento di biancardi

http://www.radioradicale.it/modules/archivio/playmedia.php?IdIntervento=2047159&m=47

e questa mia

http://perdukistan.blogspot.com/2007/01/pi-che-piazzale-madonna.html